LOGIN GESTORI
  Percorso: Italia | Trentino Alto Adige
 
   

 

 
  Trentino Alto Adige
a cura dell'Istituto Geografico De Agostini S.p.A.

Trentino Alto Adige:
Numero Province: 2
Numero Comuni: 339
Popolazione: 940.016
Superficie territorio: 13.607 kmq

Sito ufficiale: Regione Trentino Alto Adige

Il Trentino-Alto Adige è una regione dell'Italia Nord-Orientale di 0,9 milioni di abitanti, con capoluogo Trento e formata da due regioni storico-culturali e amministrative, l'Alto Adige a nord, corrispondente alla provincia di Bolzano ed il Trentino a sud, corrispondente alla provincia di Trento. Confina a nord con l'Austria (Tirolo e Salisburghese), a sud ed est col Veneto ed a sud e ovest con la Lombardia, a ovest con la Svizzera (Canton Grigioni).

La regione è suddivisa in due province: Bolzano e Trento.

Le origini del nome:
Questa regione ha due nomi perché è composta da due regioni distinte: la parte meridionale è il Trentino che prende il suo nome dal capoluogo, cioè Trento, dal latino Tridentum (antico municipio) e la parte settentrionale Alto Adige, chiamata così perché è situata nel bacino del corso superiore di questo fiume. Sud Tirolo è il nome tedesco dell’Alto Adige perché fino al 1918 questa regione faceva parte del territorio austriaco del Tirolo. Successivamente la regione si chiamò Venezia Tridentina fino al 1948, anno in cui prese il nome attuale.

Rilievi - Valichi - Coste - Isole:
Imponenti catene montuose caratterizzano le zone di questa regione. A nord troviamo la catena alpina delle Alpi Atesine che comprende le Alpi Venoste e quelle Aurine (vetta d’Italia). A sud troviamo le Alpi Retiche meridionali (Adamello, Ortles , Cevedale e il gruppo del Brenta). Ad est il massiccio delle Dolomiti è costituito da un tipo di roccia biancastra ricca di magnesio e di calcio. Le vette più elevate sono la Marmolada, il Catenaccio e il Latemar. I gruppi montuosi del Pasubio e dei monti Lessini, fanno parte delle Prealpi. La Valle dell’Adige si chiama Val Venosta nella parte altoatesina e Val Lagarina nel Trentino, ed è ricca di frutteti e vigneti.

Altre valli da ricordare sono: la Val di Sole, la Val Pusteria e la Val di Non percorse dal fiume Noce, le Valli di Cembra, la Valle di Fiemme e la Val di Fassa percorse dal fiume Avisio, la Val Sugana percorsa dal Brenta e la Val Gardena.
I valichi che mettono il Trentino Alto Adige in comunicazione con l’Austria, sono il Passo di Resia, il Passo di Dobbiaco e quello del Brennero. Tra la Lombardia e il Trentino-Alto Adige ci sono il Passo dello Stelvio e il passo del Tonale. Il Passo Pordoi e il Passo Rolle mettono in comunicazione la Regione con il Veneto.

Paesaggio:
Il paesaggio del Trentino-Alto Adige è composto da enormi massicci montuosi con dei scintillanti ghiacciai dove tra fitte nebbie si intravedono le valli. Dai monti e dai ghiacciai, scendono abbondanti le acque che in moltissimi anni hanno solcato il territorio e scavato le montagne al punto di trasformare queste zone in meraviglie della natura. C’è spesso un panorama di frutteti e boschi di conifere, pascoli e vertiginose pareti di roccia che strapiombano per centinaia di metri; fiumi e selvaggi torrenti scrosciano tra le rocce.

Agricoltura - Allevamento - Pesca:
I principali prodotti che vengono coltivati nelle valli, sono: patate, ortaggi e alberi da frutto (ciliegi, susini e soprattutto meli). Ci sono vigneti che danno ottimi vini, alcuni dei quali molto pregiati. Il Trentino Alto Adige è una delle regioni più boscose d’Italia: ci sono soprattutto larici, abeti rossi, pini silvestri e faggi.

Industria - Turismo:
Una delle maggiori ricchezze è l’abbondanza di bacini idroelettrici. Inoltre il Trentino-Alto Adige, producendo energia superiore al fabbisogno regionale, la esporta nelle altre regioni. Alcune lavorazioni artigianali, come quella del legno intagliato e del mobilio, sono tipiche nel Trentino-Alto Adige. Per evidenziare ancor di più le bellezze naturali di questa Regione, l’uomo ha contribuito costruendo tutto quello che era necessario per poterle apprezzare maggiormente: organizzazione alberghiera, rifugi alpini e numerose stazioni di villeggiatura invernali ed estive che sono le risorse di maggior ricchezza del paese. Ricordiamo alcune delle più importanti: Stelvio, Ortisei, Madonna di Campiglio, Dobbiaco, Predazzo e Canazei.

Posizione e Confine:
Questa regione è quella posta più a nord d’Italia. Il suo territorio si pone nella parte meridionale di un tratto delle Alpi orientali e racchiude il bacino montano dell’Adige. A nord confina con la Svizzera e con l’Austria dove coincidono anche i confini politici, a est confina con il Veneto, a sud con il Veneto e la Lombardia e ad ovest con la Lombardia.

Fiumi - Laghi:
Il più importante fiume del Trentino Alto Adige è l'Adige, attraversa la Regione per circa metà del suo corso, ricevendo come affluenti l’Isarco, il Rienza, il Noce e l’Avisio. Il Chiese e il Sarca sfociano sul Lago di Garda e non sono affluenti dell’Adige; inoltre il Brenta entra nel Veneto e sbocca nell’Adriatico. Il Chiese e il Sarca attraversano le Valli Giudicarie, il Brenta e la Val Sugana. Dopo il Po, l’Adige è il secondo fiume d’Italia e il terzo dopo il Tevere per superficie del bacino; inoltre, nasce dalla parte occidentale della Regione a più di 1500 m. di altezza dal Passo di Resia. Nella conca di Merano l’Adige riceve le acque del Passirio.

Clima:
Il clima di questa Regione è molto rigido nei mesi invernali e fresco nei periodi estivi. Durante l’inverno ci sono abbondanti e frequenti nevicate, mentre in primavera e autunno piove spesso.

Popolazione:
In Trentino Alto Adige convivono due gruppi etnici che parlano due lingue diverse. Nella provincia di Trento si parla l’italiano mentre nella provincia di Bolzano di solito si parla il tedesco e proprio per questo motivo, vige il bilinguismo. La lingua tedesca, così, è ufficialmente riconosciuta ed è usata insieme a quella italiana. In alcune valli di montagna del Trentino, è diffuso il Ladino, che è una lingua che deriva dal latino ma diversa dall’italiano. Questa regione è una delle meno abitate; la montagna, soprattutto nel Trentino, tende a spopolarsi e gli abitanti si concentrano molto di più nelle vallate dove ci sono più possibilità di lavoro.

Comunicazioni:
La principale via di comunicazione è la Valle dell’Adige che dalla Pianura Padana porta in Austria e nella Germania meridionale attraverso il Brennero; è lungo questa valle che passano le principali linee ferroviarie (la Verona-Trento-Bolzano-Brennero), l’autostrada Verona Brennero e la statale Verona Brennero.

Gastronomia:
L'origine della cucina dell'Alto Adige è tedesca, sia nelle preparazioni, sia nell'accostamento dei sapori (zucchero/sale), nell'uso delle spezie, nella scelta degli alimenti, fra i quali dominano il maiale, le patate, la segale, l'orzo e il cavolo per crauti. Altre influenze (oltre a quelle della cucina veneziana) si possono riscontrare in relazione alla cucina ungherese, sia per ragioni di vicinanza geografica, sia per vicende storiche, come testimonia il dominio del gulasch, uno spezzatino reso dolciastro dalle cipolle e molto piccante dalla paprica. Tipica è anche la zuppa di crostini alla milza, insaporita con prezzemolo, maggiorana, scorza di limone, sale e pepe e lavorata con burro e uova. I dolci sono molti e si utilizzano mele, castagne, prugne ma anche semi di papavero, frutta secca, anice, uva sultanina, albicocche, mirtilli, ricotta, ciliegie, pinoli, cannella, carote, cioccolata. Un accenno merita il pane, confezionato quasi sempre con farina di segale o integrale, arricchito con semi di lino, o di anice e/o finocchio. La tradizione austriaca si ritrova nelle torte al cioccolato e alla frutta, nei "krapfen" e nello "strudel" (il famoso dolce a base di mele e profumato di cannella, che si avvolge su se stesso nell'involucro di pasta croccante). Elemento fondamentale sono i funghi; Trento è forse il mercato più famoso d'Europa. Tutti i piatti di carne, di funghi così come gli insaccati, i formaggi, il latte si mangiano con la polenta. La migliore è quella della Valle del Chiese, ottenuta con la famosa farina di mais "nostrano" di Storo. Questo tipo di granoturco viene prodotto rispettando i cicli della natura, senza forzature agronomiche. Le pannocchie, raccolte in autunno e poi asciugate in locali areati, vengono macinate lentamente in molini a pietra.

 
  Info Turistiche
 
 
 
 

 

 
 
Pubblicità:
 
 
 
 
 
 
 
 
Strutture inserite:
   
 
e-bedandbreakfast è un progetto S&M realizzato e gestito in collaborazione con design.it - via Magistretti, 9 - 20128 Milano - info@e-bedandbreakfast.com
 
   
Bolzano Trento