LOGIN GESTORI
  Percorso: Italia | Veneto
 
   

 

 
  Veneto
a cura dell'Istituto Geografico De Agostini S.p.A.

Veneto:
Numero Province: 7
Numero Comuni: 581
Popolazione: 4.527.694
Superficie territorio: 18.391 kmq

Sito ufficiale: Regione Veneto

Il Veneto è una regione dell'Italia Nord-Orientale di 4,5 milioni di abitanti, con capoluogo Venezia. Confina a est con il Friuli-Venezia Giulia, a nord con l'Austria (Tirolo e Carinzia), a nord-ovest con il Trentino-Alto Adige, a ovest con la Lombardia, a sud con l'Emilia-Romagna e a est con il Mar Adriatico (Golfo di Venezia).

La regione è suddivisa in sette province: Verona, Vicenza, Belluno, Treviso, Venezia, Padova e Rovigo.

Le origini del nome:
Al tempo dei Romani la Regione si chiamò Venetia dal nome dell’antico popolo che l’abitava. Questa regione si chiamò anche Venezia Euganea, derivante sempre da antichi abitanti (Euganei) che vennero poi assorbiti dai Veneti. Con la Venezia Tridentina e la Venezia Giulia, la Venezia Euganea forma le cosiddette ‘Tre Venezie’.

Rilievi - Valichi - Coste - Isole:
La parte settentrionale della regione è costituita per un tratto dalle Alpi Carniche con la Marmolada, dalle Cime di Lavaredo, dalle Pale di San Martino e dalle Tofane, mentre al versante orientale delle Dolomiti appartengono l’Altopiano del Grappa, l’Altopiano di Asiago, i Monti Lesini e il Pasubio. Ci sono numerosi valichi tra i quali dobbiamo ricordare il Pordoi e il Passo del Falzarego, che mettono in comunicazione il Veneto con il Trentino Alto Adige mentre il Passo di Mauria collega il Veneto con il Friuli Venezia Giulia e infine il Passo di Monte Croce di Comelico che mette in comunicazione il Veneto con l’Austria. La Pianura Padana veneta si divide in: alta pianura e bassa pianura. L’alta pianura è caratterizzata da un terreno molto ghiaioso e quindi più arido, mentre la bassa pianura si distingue per la ricchezza di corsi d’acqua dovuti dalla costante irrigazione delle risorgive che hanno un’importanza notevole per l’agricoltura.

Paesaggio:
Il territorio veneto presenta molteplici aspetti: la parte montuosa ha valli e verdi boschi mentre i laghi sorgono in mezzo ai pascoli. Le colline sono ricoperte soprattutto di vigneti, da olmi e roveri. Il Lago di Garda, con il suo clima mite, fa prosperare ulivi e oleandri, mentre la pianura è coltivata da vigneti e frutteti. Le strade hanno un intenso traffico e non mancano neanche i grigi stabilimenti industriali. Alcuni altopiani si alternano da un panorama brullo e roccioso a distese di boschi e prati dove sorgono piccoli villaggi e località di soggiorno con alberghi moderni.

Agricoltura - Allevamento - Pesca:
Nella regione veneta si produce prevalentemente grano, granoturco e piante da frutto. Molto sviluppate sono anche le colture industriali come quella del tabacco, della canapa, della barbabietola da zucchero, del riso, della soia, delle carote, delle mele, delle pere, dell’orzo, dei piselli e dei fagioli. La produzione di vino è la più notevole: infatti il Veneto è al terzo posto. Alcuni vini tipici veneti sono molto pregiati anche all’estero, tra i quali vi ricordiamo il Valpolicella, il Bardolino e il Soave. Altre specialità prettamente venete sono: il radicchio rosso di Treviso, gli asparagi di Bassano e le ciliegie di Marostica. L’allevamento veneto è sviluppato in bovini e in particolar modo in suini, nelle provincie di Treviso e di Padova. Vi ricordiamo inoltre che il Veneto ha il primato assoluto nell’allevamento del pollame. Si alleva ancora il baco da seta, attività ormai abbandonata dalle altre regioni; con questo allevamento il Veneto ha il primato della produzione di bozzoli e di seta naturale. Oltre alla pesca d’alto mare si pratica la vallicoltura. Questa tecnica è tipica delle valli, dove diverse specie di pesci (l’anguilla, i muggini, le orate e i cefali), vengono recintate e arginate fino all’età adulta, per poi essere catturate quando vogliono uscire nel mare aperto. Chioggia è il primo o uno dei primi mercati ittici italiani, dal quale si spedisce il pesce fresco in città di mare come Napoli o Genova.

Industria - Turismo:
L’industria veneta più diffusa e più sviluppata, è l’industria pesante di Porto Marghera, dove arrivano via mare le materie prime per le raffinerie di petrolio per passare poi ai complessi chimici e agli stabilimenti metallurgici che producono ghisa, zinco, acciai e alluminio. Altre imprese industriali di ogni tipo si trovano in questa regione come ad esempio gli stabilimenti grafici di Verona (Mondadori), le fabbriche di biciclette a Padova e Vittorio Veneto, tessuti e filati a Schio e Valdagno, le fabbriche di elettrodomestici a Treviso e Conegliano, macchine agricole a Padova e Verona, e calzaturifici a Venezia, Verona e Treviso. Un po' dappertutto sono sparse le industrie alimentari e in particolare gli zuccherifici. Grazie ai numerosi bacini artificiali situati lungo il Piave e il Brenta, il Veneto occupa il terzo posto tra le regioni d’Italia per la produzione di energia elettrica.

Il Veneto racchiude in sé le bellezze delle Dolomiti, del Lago di Garda, e dei Colli Euganei oltre alle bellezze architettoniche di antiche città note in tutto il globo come Verona, Vicenza, Venezia e Padova. Una regione da visitare e da scoprire anche per le località montane che offrono la possibilità di soggiornare in località famose come Cortina d'Ampezzo.

La Regione offre ai turisti molte città di interesse culturale come Venezia, Padova e Verona. Si trovano località balneari equipaggiate di moderni impianti turistici, località montane che offrono scenari come le Dolomiti e cittadine situate sulle rive del Lago di Garda che hanno un clima mite quasi tutto l’anno. Inoltre ci sono manifestazioni culturali, appuntamenti folcloristici e centri di cura a livello internazionale.
Castelfranco Veneto (31.000 abitanti circa) si trova in provincia di Treviso e sorge nel centro del Veneto, nella pianura padana, a 43 metri sul livello del mare, tra i fiumi Brenta e Piave e all'ombra del massiccio del Grappa (tristemente famoso per le sanguinose battaglie della I guerra mondiale).
La cittadina si trova a 42 Km da Venezia, 25 da Treviso, 35 da Vicenza e 31 da Padova.
Autostrade: Casello A31 Vicenza Nord; Casello A27 Treviso Sud.

Posizione e Confine:
Il Veneto è situato geograficamente tra le Alpi Carniche, le Dolomiti e il Mare Adriatico. Per un breve tratto a nord il Veneto confina con l’Austria, a est confina con il Friuli Venezia Giulia e il tratto della costa del Golfo di Venezia fino alla foce del Po con Mare Adriatico; a sud con l’Emilia Romagna e la Lombardia e ad ovest con il Trentino Alto Adige e la Lombardia con la quale condivide parte del Lago di Garda.

Fiumi - Laghi:
I due maggiori fiumi del Veneto, sono il Po e l’Adige che sono anche rispettivamente il primo e il secondo d’Italia per lunghezza. Il Po segna per un lungo tratto il confine tra il Veneto e l’Emilia Romagna, mentre l’Adige nasce nell’Alto Adige ed entra nella pianura veneta a nord di Verona. Altri fiumi del territorio veneto sono il Piave, il Brenta e il Livenza. Al Veneto appartiene la riva orientale del Lago di Garda e tra i numerosi laghi alpini troviamo quello di Alleghe nel bellunese e quello di Misurina presso le Tre Cime di Lavaredo.

Clima:
In alta montagna gli inverni sono molto freddi e le estati fresche; lungo le rive del Lago di Garda il clima è particolarmente mite, mentre nel versante padano gli inverni sono freddi e umidi. Nel periodo che va ottobre a marzo, troviamo fitti banchi di nebbia che caratterizzano la Pianura Padana; l’estate è calda e molto afosa.

Popolazione:
Il Veneto è una delle regioni più densamente popolate; troviamo molte città, ma nessuna di grandi dimensioni. Venezia supera di poco i 320 mila abitanti. Nelle zone di bodifica vi sono diversi villaggi, case rurali, moltissimi paesi e cittadine. Le provincie di Belluno e di Rovigo sono meno densamente abitate e gran parte della loro popolazione è costretta ad emigrare per il loro scarso sviluppo economico.

Comunicazioni:
Il Veneto ha molte via di comunicazione che gli consentono il collegamento con il resto dell’Italia, dell’Europa e con i Paesi del Mediterraneo. La Regione è collegata con i paesi mediterranei e dell’Oriente facendo capo a Venezia, grazie ai trasporti marittimi; mentre la rete ferroviaria e i fitti nodi di svincolo stradale, permettono il collegamento di carattere turistico e commerciale, in tutte le direzioni per Italia e l’Europa.. In Veneto troviamo tre aeroporti: Villafranca a Verona per voli interni e Europei, Venezia sempre con voli interni e servizi di scalo per Milano e Roma, Treviso con i carichi commerciali.

Gastronomia:
L'alimentazione veneta è dominata da quattro elementi: polenta, riso, fagioli e baccalà. Su questi cardini si sviluppa un ventaglio di sapori che trova le sue scelte nella produzione agricola e zootecnica regionale e nelle trasformazioni dei prodotti. Il baccalà, o più propriamente lo stoccafisso (termine che significa pesce bastone perché è baccalà seccato con molto sale per ragioni di conservazione), viene servito soprattutto mantecato con la polenta: una crema delicata e gustosa che i veneti mangiano con l'aperitivo, come antipasto, come primo o come secondo. Fra i dolci, ricordiamo i "Golosessi", spiedini di legno sui quali sono infilzati in successione fichi secchi, albicocche secche, mezze noci e altro, che vengono poi immersi nello zucchero caramellato e lasciati asciugare e raffreddare. Sono una versione antica dei "lecca lecca", di cui non si conosce una precisa origine. Tipicamente natalizio e veronese è il pandoro, un dolce difficilissimo da realizzare in casa, tanto che solo i pasticcieri sono in grado di eseguirlo correttamente. Dev'essere alto, soffice, leggerissimo, spolverato con zucchero a velo. Il Veneto è la regione italiana che produce la maggiore quantità di vini D.O.C., in particolare bianchi. Nel Veronese si trovano le famose aree del Bardolino, Valpolicella, Soave e Gambellara. Le ultime tre sottozone sono caratterizzate dalla produzione di un vino che ha ottenuto recentemente la D.O.C.G. per la sottozona di Soave: il Recioto. Tra i Recioti secchi si distingue l'Amarone: uno dei vini più rinomati della regione, dal colore rosso granato carico, dal caratteristico profumo che ricorda le mandorle amare e dal sapore pieno, vellutato e caldo. Nel Trevigiano, tra Valdobbiadene e Conegliano, si coltiva il vitigno autoctono Prosecco che dà origine al Prosecco di Conegliano-Valdobbiadene, vino amabile o dolce che raggiunge la massima espressione nella frazione di San Pietro di Barbozza dove prende il nome di Superiore di Cartizze. A nord di Vicenza troviamo la zona di Breganze. Qui viene coltivata la Vespaiola dalla cui uva si ottiene uno dei grandi vini da fine pasto italiani: il Torcolato. Vino dolce passito dal colore giallo oro o ambrato, caratterizzato da un profumo intenso di miele e adatto all'invecchiamento.

 
  Info Turistiche
 
 
 
 
 
 
Pubblicità:
 
 
 
 
 
 
 
 
Strutture inserite:
   
 
e-bedandbreakfast è un progetto S&M realizzato e gestito in collaborazione con design.it - via Magistretti, 9 - 20128 Milano - info@e-bedandbreakfast.com
 
   
Belluno Treviso Verona Vicenza Padova Venezia Rovigo